A mio parere, l'etica si può fondare sulle seguenti categorie: l'utile, l'inutile, il piacevole, il doloroso, il costruttivo, il distruttivo, il vero, il falso, il completo e l'incompleto.

Tali categorie sono sempre relative ad uno o più beneficiari che, ai fini dell’etica, possono essere un individuo, una comunità di individui e una specie biologica.

In tale contesto, il male consiste principalmente, a mio avviso, nell'inganno, cioè nel presentare l'inutile come utile, il distruttivo come costruttivo, il doloroso come piacevole, il falso come vero, l'incompleto come completo e viceversa, cioè nel presentare l'utile come inutile, il costruttivo come distruttivo, il piacevole come doloroso, il vero come falso, e il completo come incompleto.