La religione si è quasi sempre arrogata il diritto esclusivo di amministrare la violenza e la sessualità.