Cognizioni, sentimenti e motivazioni (che io chiamo indifferentemente soggetti, oggetti, argomenti o agenti mentali) si formano e si esprimono a vari livelli logici, dal più generale al più elementare.

In altre parole, un argomento (cognitivo, sentimentale o motivazionale) di un certo livello logico è tributario (in senso funzionale) di uno o più argomenti di livello superiore ed è "servito" da uno o più argomenti subordinati.

Ogni argomento può dunque essere al tempo stesso soggetto e oggetto di transazioni, ovvero funzionalmente servitore e fruitore rispetto ad altri argomenti.

Ogni argomento ha una o più funzioni in senso biologico e/o sociale.

Gli argomenti di un discorso riflettono la struttura logica della mente di chi lo proferisce.

Gli argomenti sono prevalentemente inconsci, ma alcuni possono essere parzialmente consci. Tuttavia difficilmente ci si rende conto del fatto che un argomento logico è anche un agente mentale che contribuisce automaticamente a determinare il proprio comportamento.