Uno sciame di moscerini volteggia davanti alle chiome dei lecci. Ebbri di sole, impazziti danzano, s'inseguono, disegnano una nuvola vorticosa ora stretta, ora ampia. Nessuno vuol stare da solo.