Non si può costringere nessuno a dialogare, a rispondere alle nostre domande, a comprenderci.