A volte provo rabbia e risentimento, altre volte compassione, verso quasi tutte le persone che ho incontrato da quando sono nato (direttamente o attraverso i loro scritti), perché mi hanno ingannato o hanno cercato di farlo (volontariamente o involontariamente, consapevolmente o inconsapevolmente, in buona o in cattiva fede, a loro volta ingannati da altri) specialmente per quanto riguarda la vita, la società, i rapporti interpersonali, la religione, l’etica, la politica, la psicologia, la filosofia, la felicità, l’amore, la solidarietà, la bellezza e la natura umana in generale.

Infatti ogni essere umano, anche senza esserne consapevole e senza volerlo, con il suo comportamento e il suo esempio “insegna” agli altri la sua visione del mondo, e a sua volta si fa influenzare, per non dire manipolare, dagli insegnamenti altrui.

Sono, d'altra parte, sempre grato ad autori come Gregory Bateson, Edgar Morin, Luigi Anepeta e alcuni altri che ho avuto la fortuna di trovare, per aver svelato, nelle loro opere, i comuni inganni e le comuni mistificazioni di cui l'umanità è portatrice, e aiutato noi lettori a capire come stanno veramente le cose in generale (per quanto un essere umano possa capire la realtà).