Se opportunamente guidata (ma non troppo), l'immaginazione può essere molto creativa e perfino terapeutica.